Mastr Raffaele

Create Custom T-Shirts

Ricordo da bambina un signore magro e non molto alto che girava per il paese con una carriola e una ramazza. Teneva il paese molto pulito. Le signore avevano a quei tempi, come oggi, l'abitudine di pulire davanti alla propria casa. Facevano il mucchietto di spazzatura e poi, quando lui passava, tirava su i mucchietti, li metteva nella carriola e andava a buttare tutto "sott'a murr" là dove adesso c'è il belvedere. Ogni Venerdì al paese arrivava da Termoli il signor "Giovanni 'u pesciaiuol" il pescivendolo, Mastr Raffaele passava per le stradine del paese con una trombetta e dopo aver fatto un lungo suono diceva "Jamme in chiazza Ka ci stà 'u pesc!!! é 'rruvat 'u pesc" e poi suonava ancora. Si diceva che lui "mannav 'u bann".

Inoltre Mastr Raffaele teneva molto in ordine il cimitero: innaffiava i fiori, rastrellava le aiuole, strappava le erbacce... insomma Mastr Raffaele era il tuttofare. Si dicono di lui degli aneddoti molto simpatici.
Un giorno il sindaco, don Giovanni Veleno, gli disse: " ci vediamo a pomeriggio!" e lui sembra che gli abbia risposto "va be', ma 'ndo' se trove?" pensando che "mezzogiorno" fosse il nome di un luogo. 
Negli anni settanta era molto divulvata la vendita per corrispondenza. Arrivavano a casa dei cataloghi (postalmarket e altri) con le foto di oggetti vari e anche vestiti e biancheria intima. In fondo al catalogo c'erano dei fogli da compilare dove si scriveva: la misura, la quantità e altri dati riguardo la spesa che si voleva fare, si inviavano i soldi e dopo circa una settimana arrivava il pacco contenente la merce richiesta. Un giorno Mastr Raffaele stava sfogliando uno di questi cataloghi, e precisamente le pagine riguardo l'intimo e chiese a sua moglie: "Cuncetta, ma s' mmannam a peglià i rrobb, po' c mmann'n pur i femm'n?" "ma, se mandiamo a prendere i vestiti, ci arrivano anche le ragazze?" 
Mastr Raffael e sua moglie Cuncett abitavano in una casa vicino al belvedere. Ricordo l'abitudine di Cuncett a tenere la loro casa senmpre in ordine, curando anche l'aspetto esterno: tute le estati passava una mano di vernice verde al muro esterno... Ora la casa è abbandonata poiché i figli non abitano più al paese e dopo il terremoto la casa credo non sia più agibile...